Manicure e Ricostruzione delle unghie – Tutto quello che devi sapere

La manicure è diventato ormai uno dei trattamenti estetici e di bellezza più importanti nel mondo cosmetico femminile. Ciascuna di noi può avere esigenze, desideri e gusti differenti quando si tratta di dare un tocco in più al proprio aspetto. Che tu preferisca unghia semplici, corte, lunghe, tonde o squadrate tutti i trattamenti per la cura delle mani e delle unghie hanno una base di partenza comune.

La cura delle unghie ordinaria:

Prima di qualsiasi trattamento colorante sulle unghie è di primaria importanza agire in maniera cauta e precisa sulle stesse per rimuovere correttamente lo smalto precedente. La procedura richiede ulteriore attenzione nel caso si abbiano utilizzato dei gel, semipermanenti o prodotti di scarsa qualità.

1) Effettuare uno scrub esfoliante sulle unghie:

E’ buona prassi, per mantenere le unghie sane e in salute, fare uno scrub esfoliante almeno ogni due settimane per stimolare la circolazione, rafforzare le unghie, levigare le superfici ed eliminare i residui dovuti alle precedenti applicazioni. Nel caso di utilizzo di unghia finte come le estensioni lo scrub andrà fatto in maniera attenta e minuziosa dal momento che questi accessori per unghie tendono a rilasciare una maggior quantità di residui sulle unghie. Lo scrub andrebbe quindi effettuato con una lima a quattro facce, un buffer o un prodotto specifico. Uno scrub corretto e cadenzato permetterà di mantenere le unghie sane, in salute e resistenti a lungo.

2) Utilizzare frequentemente la lima per le unghie:

Un altro must per preservare la salute delle unghie è quello di passare frequentemente la lima dai lati verso la punta dell’unghia per evitare che si scheggi o che si rovini eccessivamente. Sul mercato è possibile trovare lime per le unghie di diversi materiali come cartone, metallo e vetro.
Le lime in cartone sono altamente igieniche, durano massimo 2-3 trattamenti e agiscono sull’unghia in maniera delicata e precisa. Al contrario le lime in metallo sono altamente sconsigliate nonostante non necessitino di nessuna sostituzione dopo l’uso. Queste lime agiscono in maniera troppo aggressiva sull’unghia indebolendola e, nei casi peggiori, danneggiandola. Infine le lime in vetro rappresentano la soluzione definitiva per il trattamento quotidiano delle unghie in quanto sono comode, belle, funzionali e permettono di agire in qualsiasi direzione sull’unghia senza particolari controindicazioni.

3) Evitare Solventi dannosi come Acetone e Metanolo:

L’acetone e il metanolo sono prodotti che garantiscono un’azione efficace e precisa sugli smalti ma a lungo andare potrebbero generare problemi. Questi solventi permettono infatti di eliminare residui e colorazioni ma aggrediscono le unghie indebolendole. Nonostante queste premesse i due solventi vengono ancora ampiamente utilizzati da moltissimi professionisti per via della loro forza ed efficacia. Tuttavia sarebbe meglio servirsi di prodotti leggeri a base di acqua o olii emollienti, efficaci come acetone e metanolo ma meno aggressivi. L’utilizzo di questi prodotti leggeri è l’ideale per unghie fragili, secche, sensibili e si rivelano dei validi alleati anche in caso di unghia finte.

4) Curare le cuticole delle unghie:

Le cuticole sono quel lembo di pelle che protegge l’unghia intorno al suo margine fisso. Per curare le unghie e mantenerle in salute è quindi fondamentale sapere come trattare al meglio le cuticole. Molte donne decidono di tagliare le cuticole dal momento che creano qualche problema e disallineamento in fase di applicazione dello smalto inficiando il risultato del processo di nail art o manicure.
E’ tuttavia fortemente sconsigliato tagliare le cuticole per ragioni estetiche in quanto permettono di bloccare eventuali infiltrazioni di batteri nelle unghie. Per un corretto trattamento delle cuticole si consiglia quindi di ammorbidirle e massaggiarle con olii di mandorla e spingerle delicatamente con un bastoncino, senza insistere. Una cura e trattamento delle cuticole a cadenza quotidiana permetterà quindi di avere un contorno unghie perfetto.

5) Utilizzare frequentemente creme:

Prima di applicare lo smalto e dopo aver ammorbidito le cuticole con l’olio è fortemente consigliato applicare su mani e unghie una crema nutriente in grado di rafforzare unghie fragili e secche.
Lasciate assorbire la crema per qualche minuto prima di applicare lo smalto altrimenti potrebbe non fissarsi correttamente compromettendo il risultato finale.

Differenza tra smalti semipermanenti e smalti gel:

Dopo essersi presi cura delle proprie mani e unghie con dei trattamenti di manicure efficaci e sani sarà possibile colorare, imbellire e modificare le proprie unghie come se fossero un vero e proprio accessorio.

Sul mercato è possibile trovare svariati prodotti per la colorazione delle unghie come smalti semipermanenti, smalti gel e acrigel ma ancora molte donne non hanno ben chiara la differenza di tra questi prodotti e quale devono scegliere per una corretta colorazione delle unghie.

Applicazione-smalto-semipermanente-unghie

Cerchiamo quindi di far chiarezza e spiegare le principali differenze tra smalti semipermanenti e smalti gel.
Innanzitutto bisogna specificare che gli smalti semipermanenti non sono indicati nel caso di unghie molto corte, sono facili da applicare, garantiscono una durata che varia dalle 2 alle 3 settimane, hanno un costo moderato e donano un effetto luminoso e naturale sull’unghia aumentandone anche lo spessore e rafforzandola. Tuttavia è bene precisare che lo smalto semipermanente è un prodotto fotoindurente che richiede l’utilizzo di lampade a LED per solidificarsi correttamente e donare resistenza e durabilità alle unghie. Semplice da rimuovere, questo tipo di smalto è particolarmente indicato per unghie di media lunghezza.

Al contrario i kit di colore come gli smalti in Gel sono più difficili e complessi da applicare e rimuovere ma garantiscono una durata superiore anche fino a 1 mese. Gli smalti gel vengono utilizzati per rafforzare unghie indebolite, spezzate e danneggiate donando alle unghie un effetto bombato e spesso. Come i kit semipermanenti anche gli smalti in gel hanno bisogno di lampade per la polimerizzazione e il fissaggio del gel. A differenza dei semipermanenti i kit di colore in gel permettono inoltre di modificare e modellare la forma delle unghie a proprio piacimento oltre che rendere possibile dei trattamenti di nail art.

Ricostruzione Unghie: differenza tra gel e acrilico

La ricostruzione delle unghie è un trattamento particolare che permette di allungare e modellare la forma delle unghie intervenendo in maniera mirata su unghia fragili, sfaldate, rovinate o poco propense alla ricrescita. Il processo di ricostruzione unghie può avvenire sia tramite l’utilizzo di materiale acrilico o gel, materiale viscoso che viene successivamente polimerizzato grazie all’utilizzo di Lampade UV fissanti.

La scelta dell’utilizzo di acrilico piuttosto che gel per la ricostruzione unghie dipende dalla conformazione delle stesse, dal risultato che si vuole raggiungere e dal gusto estetico di ognuna. Per poter effettuare una scelta consapevole sul tipo di trattamento da effettuare scendiamo nel dettaglio dei due materiali per illustrare applicazione insieme a vantaggi e svantaggi.

Ricostruzione Unghie con Acrilico:

L’utilizzo della Acrilico nei trattamenti di ricostruzione unghie è stato per la prima volta utilizzato da un dentista Americano che applicò il materiale sulle sue unghie doloranti e fragili che gli impedivano di lavorare. Una volta resosi che l’acrilico svolgeva una funzione rafforzante e protettiva decise di sfruttare la sua sensazionale scoperta per fondare la prima azienda di acrilici per unghie che dominò il mercato Americano sino agli anni 80.
Nello specifico la ricostruzione unghie per mezzo acrilico vede la sua forza in due agenti quali il polimero in polvere e il monomero liquido che, se combinati, generano un composto modellabile pronto per essere applicato sull’unghia rovinata. Successivamente basterà attendere che il materiale applicato asciughi per solidificarsi, compattarsi e legarsi all’unghia naturale.

Come ricostruire le unghie con l’acrilico:

Il processo per ricostruire le unghie con acrilico è relativamente semplice, economico, non richiede necessariamente l’utilizzo di lampade UV e garantisce una durata e resistenza maggiore rispetto all’utilizzo dei gel.
Per cominciare il trattamento di ricostruzione unghie è necessario pulirle, disinfettarle e sgrassarle con una lima. Successivamente si andrà ad applicare un primer, o mediatore di aderenza, che andrà a deidratare e sgrassare a fondo la superficie delle unghie predisponendola correttamente all’applicazione dell’acrilico e favorendone l’aderenza. Una volta preparate le unghie si potrà procedere con l’applicazione del monomero e della polvere acrilica miscelati nelle giuste proporzioni. In caso di mani poco esperte potrà essere necessario l’utilizzo di cartine millimetrate o tip, di forma predefinita. A questo punto si immerge un pennello nel monomero liquido e successivamente si passa sul polimero in polvere. Questo passaggio è fondamentale e molto delicato dal momento che il composto finale dovrà avere una densità nè troppo liquida nè troppo solida per permetterne la corretta applicazione sull’unghia. Basterà quindi applicare il composto sull’unghia e attendere che l’aria solidifichi il tutto.
Per rimuovere la ricostruzione unghie in acrilico basterà immergere le mani in una bacinella di acetone per 10/15 minuti o in alternativa fissare dei batuffoli di cotone imbevuti di acetone sulle unghie con della carta stagnola. La ricostruzione unghie acrilica dura circa dalle 3 alle 4 settimane e, dopo questo periodo, sarà necessario effettuar e un ritocco sulla ricrescita.

Ricostruzione Unghie con Gel:

Le ricostruzione unghie con gel ha visto la luce nei primi anni 90’ e trova larga applicazione nel nostro paese nonostante in America si continui a preferire l’utilizzo dell’acrilico.
Questo processo può essere effettuato con metodo monofasico o trifasico. La differenza sostanziale tra i due metodi è da ricercarsi nei passaggi necessari per completare il trattamento. Il metodo monofasico racchiude in se contemporaneamente le caratteristiche e proprietà dei mediatori di aderenza, strutturanti e lucidanti. Al contrario il metodo trifasico necessita dell’utilizzo di tre prodotti separati quali il mediatore di aderenza, il gel costruttore e il sigillante.

Sia la scelta del metodo monofasico che di quello trifasico non possono in alcun modo prescindere dall’utilizzo di una Lampada UV in grado di solidificare il gel una volta applicato sull’unghia.

Come ricostruire le unghie con il gel:

Come per la ricostruzione gel in acrilico sarà necessario pulire, disinfettare e trattare l’unghia con una lima e la successiva applicazione del primer per predisporre l’unghia al trattamento. In seguito si procede con lo stendere il primo strato di gel, prestando attenzione a non sovrapporsi alle cuticole, e conseguente primo fissaggio esponendo l’unghia ai raggi UV per circa 2 minuti. Nel caso si scelga il metodo monofasico il trattamento termina con questo passaggio. In caso di metodo trifasico si procederà inizialmente con l’applicazione del gel costruttore con conseguente esposizione ai raggi per 2 minuti. Successivamente, una volta asciugato il primo strato costruttore, si potrà applicare il gel sigillante fissando il tutto l’utilizzo dei raggi UV per altri 4 minuti.

Al contrario del trattamento con Acrilico la rimozione del gel non può essere svolta in casa con acetoni e solventi ma va effettuata da una professionista per evitare danneggiamenti e problemi alle unghie.

Il metodo con gel, rispetto a quello con acrilico, è più facile da applicare, asciuga più velocemente, dona un aspetto più naturale ed è indicato per chi è alle prime armi con la ricostruzione unghie. Di contro è necessario dotarsi di una lampada UV per la solidificazione del gel, è più costoso e meno durevole e richiede mani esperte per essere rimossa.

E’ inoltre importante sapere che molte persone rifiutano l’utilizzo del metodo acrilico dal momento che emette un odore acre e molto forte. Contrariamente a quanto si è portati a pensare l’acrilico non è un materiale tossico o cancerogeno dal momento che la sua composizione chimica appartiene alla stessa famiglia dei gel rendendo i due prodotti, a livello molecolare, molto simili tra loro.

Noi di Beauty Brothers siamo esperti in manicure e ricostruzione unghie e possiamo aiutarti a trovare il trattamento ideale per te a seconda della conformazione delle tue unghie e delle tue necessità. Vieni a trovarci in negozio per prenotare un corso di nail art con la nostra esperta o acquista online scegliendo tra molteplici prodotti dei migliori marchi appositamente selezionati per te e per il tuo benessere.